dumfries

Denzel Dumfries inizia a mettersi finalmente in mostra nel mondiale qatariota. Dopo le partite del girone giocate in modo abbastanza anonimo (come in campionato), l’inizio della fase a eliminazione ha fatto rivedere le qualità che nel 2021 impressionarono Marotta e Ausilio.

“Solitamente i giocatori che vanno in nazionale sono già conosciuti, ma poi c’è sempre il peso del Mondiale. La sorpresa è quello che farà lì”, ha detto a Sky Sport l’agente di Dumfries Rafaela Pimenta.

“Il suo valore è salito? Speriamo di no”

Sulle sue tracce già dalla scorsa estate c’era il Chelsea, l’Inter valutava l’esterno non meno di 35/40 milioni ma dopo la prova contro gli Stati Uniti la sua valutazione potrebbe ulteriormente levitare fino ai 60 milioni. “Speriamo che il suo valore non sia aumentato, altrimenti sarebbe più difficile trasferirlo” ha aggiunto la Pimenta.

Questa cifra sarebbe “irrinunciabile” sia per il bilancio che per la liquidità che potrebbe essere reinvestita nel mercato invernale.

L’intenzione dell’Inter con Dumfries sarebbe quella di cederlo già nel mercato invernale, garantendosi però la permanenza a Milano fino a giugno. A Londra, invece, si pensa di più al futuro di Lukaku. Scenari che i dirigenti nerazzurri preferirebbero affrontare separatamente ma, alla luce dei buoni rapporti con la nuova proprietà Blues, non è da escludere la fumata bianca in entrambe le situazioni.

Marotta ha già nel taccuino il sostituto di Dumfries

Se la partenza di Denzel fosse immediata Marotta e Ausilio potrebbero virare su un altro prospetto che si è messo in luce in questi mondiali: Angelo Preciado, esterno destro classe ’98 di proprietà del Genk.